L’importanza del peso corporeo nel successo della PMA

L’importanza del peso corporeo nel successo della PMA

La crescente prevalenza dell'obesità nei paesi sviluppati risulta essere dovuta alla combinazione di un eccessivo consumo di cibi ad alto contenuto calorico con uno stile di vita sempre più sedentario. 

Alterazioni in eccesso del peso corporeo hanno sicuramente un impatto negativo sulla fertilità sia femminile che maschile.


La percentuale di donne in tutto il mondo con un indice di massa corporea (BMI) al di sopra del valore soglia di normalità di 25 kg / m2 è aumentato dal 29,8% nel 1980 al 38% nel 2013.


Le donne in età riproduttiva non sono invulnerabili all’obesità.

Come viene riportato dall’indagine della National Health and Nutrition Examination Survey, a partire dal 2010 oltre la metà delle donne gravide negli Stati Uniti erano sovrappeso o obese e l'8% delle donne in età riproduttiva era estremamente obeso.


Oggigiorno sono sempre di più le donne con problemi di peso che si rivolgono ad esperti di Procreazione Medicalmente Assistita (PMA).


Questo è dovuto al fatto che il sovrappeso e l’obesità influiscono sul quadro ormonale della donna, caratterizzato da un eccesso di insulina che, agendo sulle ovaie, aumenta i valori di androgeni in circolo con conseguente inibizione dell’ovulazione. L’obesità è in grado di influenzare anche l’ambiente uterino, infatti le pazienti obese non sono caratterizzate solamente da ipofertilità, ma sono anche soggette più facilmente ad aborti spontanei.


Normalmente, è più comune che le pazienti obese si rivolgano a una struttura specializzata in PMA, tuttavia anche una persona in evidente stato di sottopeso può non riuscire a concepire un figlio: infatti, se è vero che essere in sovrappeso limita le possibilità di ovulazione, lo stesso si può dire per chi è sottopeso. 


Negli ultimi anni, sono diversi gli studi che hanno analizzato l’associazione tra obesità ed esito dei trattamenti di PMA.


Uno studio condotto dall’Istituto Valenciano de Infertilidad di Valencia, pubblicato sulla prestigiosa rivista Fertility and Sterility, ha evidenziato che l'obesità femminile compromette l'esito della FIV (Fecondazione in Vitro), ma la qualità dell'embrione non è influenzata, indicando un'alterazione nell'ambiente uterino.

Infatti come è stato osservato in successivi lavori, la scarsa ricettività uterina, conseguente a una condizione di obesità, è stata indicata come la probabile causa di fallimento di un ciclo FIV con ovodonazione.


L’influenza negativa che l’obesità ha sull’esito di un trattamento di PMA, è stata recentemente confermata da un ulteriore studio condotto da ricercatori statunitensi, in cui le percentuali di successo nei cicli autologhi con ovociti freschi, sono più alti in quelli con BMI bassi e normali. Inoltre, vi è un peggioramento progressivo e statisticamente significativo dei risultati in gruppi con BMI più elevati.


In conclusione ad oggi ci sono prove sufficienti che dimostrano come l’eccessivo peso comporti un maggior rischio di mancato concepimento, sia naturale che assistito, oltre che un elevato rischio di aborto spontaneo. Pertanto, prima di intraprendere un trattamento di PMA, è utile che la donna con problematiche di peso valuti con il proprio medico eventuali squilibri ormonali, con il fine di raggiungere comunque una riduzione del peso corporeo.


BIBLIOGRAFIA

·     Provost MP, Acharya KS, Acharya CR, Yeh JS, Steward RG, Eaton JL, Goldfarb JM, Muasher SJ, Pregnancy outcomes decline with increasing body mass index: analysis of 239,127 fresh autologous in vitro fertilization cycles from the 2008-2010 Society for Assisted Reproductive Technology registry. Fertil Steril. 2016 Mar; 105(3):663-669.

·     Bellver J, Ayllón Y, Ferrando M, Melo M, Goyri E, Pellicer A, Remohí J, Meseguer M, Female obesity impairs in vitro fertilization outcome without affecting embryo quality. Fertil Steril. 2010 Feb; 93(2):447-54.

·     Bellver J, Pellicer A, García-Velasco JA, Ballesteros A, Remohí J, Meseguer M, Obesity reduces uterine receptivity: clinical experience from 9,587 first cycles of ovum donation with normal weight donors. Fertil Steril. 2013 Oct; 100(4):1050-8.

·     Machtinger R, Combelles CM, Missmer SA, Correia KF, Fox JH, Racowsky C, The association between severe obesity and characteristics of failed fertilized oocytes. Hum Reprod. 2012 Nov; 27(11):3198-207.

scrivi un commento

articolo a cura di

Dott. Maurizio Sodano Medico chirurgo specialista in ostetricia e ginecologia
Dott. Maurizio Sodano. Direttore del centro CMR

recent post

Co-trattamento con desametasone

La nostra filosofia si basa su una costante ricerca di nuove metodologie all’avanguardia, che ci permettano di mantenere i più elevati standard qualitativi e di fornire tutto il supporto sia professionale che umano alle coppie che si rivolgono presso il nostro centro, per raggiungere l’obbiettivo comune, l’ottenimento di una nascita. Con questo scopo i professionisti del C.M.R. diretti dal Dott. Maurizio Sodano, in collaborazione con alcuni dei più prestigiosi centri internazionali, hanno introdotto nei protocolli di stimolazione ovarica, l’impiego del desametasone, un particolare tipo di corticosteroide. I risultati di questo lavoro sono stati pubblicati su Reproductive Sciences, importante rivista scientifica internazionale. Qui di seguito viene riportato un riassunto del sopracitato lavoro e il link diretto all’articolo. https://link.springer.com/article/10.1007/s43032-021-00590-7 Lo scopo di questo lavoro era di stimare l'effetto del desametasone durante la stimolazione ovarica in donne di diversa età riproduttiva con livelli elevati di progesterone nella fase follicolare precoce sottoposte a un ciclo di fecondazione in vitro. Questo studio è un'analisi longitudinale prospettica di donne sottoposte consecutivamente a cicli di fecondazione in vitro freschi in un unico centro, tra gennaio 2012 e dicembre 2013. Le donne con progesterone in fase follicolare iniziale superiore a 0,50 ng/ml, valutate al giorno 0 o al giorno 5 di stimolazione, sono state incluse. Il gruppo di studio (n = 113) includeva donne sottoposte a supplementazione di desametasone fino al giorno dell'induzione con hCG. Le donne che non sono state sottoposte al trattamento con desametasone hanno formato il gruppo di controllo (n = 109). Abbiamo ulteriormente stratificato la nostra popolazione di studio in base alle fasce di età: (1) ≤ 34 anni, (2) tra 35 e 39 anni e (3) ≥ 40 anni. Nel gruppo di studio sono stati osservati livelli di progesterone significativamente più bassi rispetto al gruppo di controllo (0,59 ± 0,21 vs 0,94 ± 0,42, <0,001). In particolare tale differenza non si osserva nelle donne di età superiore ai 39 anni. Nel gruppo di studio è stato rilevato un tasso di nati vivi più elevato che nel gruppo di controllo, statisticamente significativo nella fascia di età ≤ 34 anni (67,5% vs 47,2%, p = 0,04). Al contrario, i tassi di nati vivi erano simili tra i due gruppi nelle donne di età superiore ai 34 anni. I nostri dati suggeriscono che il desametasone aiuta a modulare i livelli di progesterone durante la fase follicolare e potrebbe migliorare il tasso di nati vivi delle donne di età inferiore ai 34 anni. ;

9.3.2022
Il percorso di coppia nella PMA. La fase Operativa

Una volta deciso il piano terapeutico durante la fase clinica la coppia dovrà affrontare il percorso denominato "FASE OPERATIVA", che potrà essere di 1° LIVELLO o di 2° LIVELLO. Parliamo di 1° LIVELLO quando siamo nel campo dell'inseminazione intrauterina. Il partner maschile effettuerà una raccolta di liquido seminale in coincidenza con l'ovulazione della donna. Il liquido seminale sarà quindi processato in laboratorio per essere utilizzato nell''inseminazione intrauterina. Passeranno 15 giorni dall'inseminazione, a seguito dei quali si effettuerà l’esame di gravidanza andando a ricercare nel sangue l’ormone β-HCG, prodotto dall'embrione una volta impiantato. Dovesse risultare con esito positivo controlleremo la presenza della camera gestazionale attraverso un'ecografia e quindi, eventualmente continuare il monitoraggio della gravidanza nei mesi a seguire. Nel caso di esito negativo si valuterà insieme, medico e coppia, se e come proseguire. Se siamo in presenza di una fecondazione in vitro stiamo parlando di 2° LIVELLO. Questo trattamento si compone di diverse fasi: Stimolazione della funzione ovarica La prima fase prevede la stimolazione della funzione ovarica per indurre una crescita multipla di follicoli finalizzata ad aumentare le probabilità di ogni singolo ovocita di essere fecondato e di svilupparsi in feto, visto che in vitro queste si riducono rispetto alla fecondazione tradizionale. Avremo quindi per ogni singola ovulazione un maggior numero di ovociti e un conseguente aumento delle probabilità di rimanere incinte. Il prelievo degli ovociti – PICK-UP Quando i follicoli saranno ritenuti maturi, quindi con un diametro maggiore di 16 mm, verranno aspirati. Il liquido follicolare ottenuto sarà esaminato al microscopio con l'obbiettivo di ricercare degli ovociti. Tutto avviene in maniera assolutamente indolore attraverso una tecnica di agoaspirazione per via transvaginale. Sotto sedazione e sotto guida ecografica. L'inseminazione in vitro e la coltura embrionaria Nella fase immediatamente successiva al prelievo degli ovociti sarà richiesto al partner, attraverso masturbazione, di produrre un campione seminale; gli spermatozoi e gli ovociti verranno messi in contatto fino ad accertare l'esito dell'inseminazione. Tutti gli ovociti correttamente fecondati (ovocita a due pronuclei) verranno mantenuti in coltura. Nel periodo della coltura i due pronuclei spariranno dando origine allo zigote, cui seguirà prima divisione cellulare, momento in cui si è in presenza dell'embrione vero e proprio. Il trasferimento degli embrioni - TRANSFER Il giorno del transfer gli embrioni saranno trasferiti attraverso un catetere all''interno della cavità uterina della paziente. Crioconservazione degli embrioni rimanenti Gli embrioni restanti non vengono trasferiti e con evidenti segni di vitalità, saranno opportunamente crioconservati per ulteriori eventuali cicli successivi. In questo modo non sarà necessario svolgere una nuova stimolazione. Test di gravidanza Trascorreranno due settimane dal trasferimento degli embrioni, dopodiché effettueremo un dosaggio di ß-HCG (ormone prodotto dall'embrione una volta che si è impiantato) al fine di verificare l'esito del trattamento. In caso di positività passeranno ulteriori 20 giorni prima di effettuare un'ecografia di controllo per osservare l'eventuale presenza della camera gestazionale e proseguire con il monitoraggio della gravidanza. Se avete dubbi o ulteriori domande a riguardo, non esitate a contattarci o a scrivere nei commenti del post, vi risponderemo quanto prima! A presto dal CENTRO CMR. ;

7.2.2022
Il percorso di coppia nella PMA. La fase Clinica

Spesso, dopo che viene diagnosticata l'infertilità, maschile o femminile o di coppia, è facile che gli aspiranti genitori si ritrovino in balia di se stessi, non sapendo a chi rivolgersi, a quale centro affidarsi, se fidarsi o meno della diagnosi ricevuta. Iniziano a sorgere una marea di domande, rischiano di incrinarsi i rapporti, sorgono ingiustificate sensazioni di vergogna, sensi di colpa. A chi mi rivolgo? Con chi ne parlo? Dopo lo sconforto, la decisione di affrontare il percorso di Procreazione Medicalmente Assistita! Già... ma in cosa consiste? Cosa dobbiamo fare? Ci sembrava giusto iniziare il nostro cammino in questo blog partendo proprio da qui; dal percorso che una coppia affronterà decidendo di avere un bambino attraverso la PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA. La coppia che si rivolge al Centro CMR, verrà seguita da un'equipe multidisciplinare di professionisti, coordinati dal Dottor Maurizio Sodano, direttore del centro. Il percorso di fecondazione assistita è un processo composto da diverse fasi, che sono da dividere in FASE CLINICA e FASE OPERATIVA. La fase clinica inizia con la PRIMA VISITA, che consta di un colloquio conoscitivo con l'esperto in Medicina della Riproduzione prima e della visita vera e propria poi; una visita specialistica ginecologica con ecografia transvaginale a cui fa subito seguito una consulenza per l'analisi del caso. Dopo aver visionato eventuali altri esami effettuati precedentemente (che consigliamo di portare sempre con voi) il medico sarà in grado di illustrare le procedure percorribili e le percentuali di successo, gli eventuali rischi e i dettagli del percorso, e prescriverà, laddove fosse necessario, esami ematochimici e strumentali. A questo punto la coppia intraprenderà l'ITER DIAGNOSTICO, durante il quale effettuerà gli esami di laboratorio e strumentali che sono stati prescritti durante la prima visita. In base all’esito di questi accertamenti, laddove risultasse necessario, potranno essere richieste ulteriori indagini come ad esempio delle consulenze specialistiche (andrologica, genetica, endocrinologica, psicologica...). È l'esito di questi accertamenti che determina la metodica di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA più opportuna, ottimizzando le probabilità di SUCCESSO per la coppia. Il PIANO TERAPEUTICO da seguire sarà deciso completato l'iter diagnostico, dopo aver effettuato un controllo delle analisi effettuate. Questo potrà essere rappresentato da: 1.    RAPPORTI MIRATI su ciclo spontaneo o con lieve STIMOLAZIONE ORMONALE 2.    INSEMINAZIONE INTRAUTERINA (quello che si definisce un trattamento di Primo Livello) 3.    FECONDAZIONE IN VITRO (quello che si definisce un trattamento di Secondo Livello) L'ultima fase della fase clinica è caratterizzata dalla STIMOLAZIONE OVARICA e dal MONITORAGGIO. La stimolazione ovarica è una tecnica farmacologica finalizzata alla produzione maggiore di ovociti, al fine di facilitare l’esito positivo del trattamento, personalizzata, in funzione del trattamento prescelto e volta a aumentare le possibilità di rimanere incinta. Durante questa fase la paziente si sottoporrà al monitoraggio della crescita follicolare, finalizzato ad individuare il momento ottimale per effettuare una INSEMINAZIONE INTRAUTERINA se è stato scelto un trattamento di 1° livello o un PRELIEVO OVOCITARIO (PICK UP) se il trattamento scelto è di 2° livello (FIVET-ICSI). A questo punto la coppia è pronta a iniziare la FASE OPERATIVA, della quale parleremo nel prossimo post. A presto dal CENTRO CMR. ;

10.1.2022

seguici

guarda il video su CMR