Strategie per la scelta degli embrioni da trasferire

Strategie per la scelta degli embrioni da trasferire

L’impiego dell'intelligenza artificiale

Oggigiorno è estremamente importante effettuare trasferimenti di embrioni altamente selezionati, poiché l’obiettivo da perseguire è quello di offrire al maggior numero di pazienti che intraprendono un percorso di procreazione medicalmente assistita (PMA) la possibilità di ottenere una gravidanza a termine con un bimbo sano


Effettuare un’elevata selezione embrionaria permette a noi operatori del settore di eseguire la maggior parte delle volte un transfer di un singolo embrione, così da poter massimizzare il risultato, ma soprattutto di ridurre il rischio di una gravidanza gemellare, che è stato dimostrato essere caratterizzata da complicanze sia per i bambini che per la madre.


La scelta degli embrioni da trasferire in utero avviene secondo la valutazione di parametri estremamente importanti, che sono quelli morfologici e quelli cinetici.


Quando parliamo di parametri morfologici, si intendono la grandezza e la simmetria delle singole cellule (blastomeri) che compongono l’embrione, la presenza del nucleo, la forma e le dimensioni dell’embrione stesso, ma anche l’aspetto citoplasmatico.


Quando invece si parla di parametri cinetici, bisogna focalizzarsi su diversi fattori, come il numero di cellule che compongono l’embrione, il tempo con cui avvengono le singole divisioni cellulari, se le divisioni avvengono correttamente, lo stadio di sviluppo embrionale (zigote, morula, blastocisti ecc…).


Fino a pochi anni fa la scelta degli embrioni migliori da poter trasferire in utero avveniva attraverso l’osservazione istantanea dell’embrione da parte dell’embriologo, che si basava sui criteri citati precedentemente, ma che aveva una criticità, ovvero quella di poterli osservare per pochi minuti al microscopio, quindi fuori dall’incubatore, con un notevole rischio di recare danno all’embrione. Inoltre in questo caso assume ancora più importanza il livello di esperienza del singolo professionista. 


Per ovviare a questi limiti operativi, oggi sono nate diverse tecnologie che consentono a noi operatori di poter massimizzare le prestazioni di un singolo ciclo FIVET/ICSI e di ottenere un numero sempre più elevato di gravidanze a termine. Tra queste nuove tecnologie possiamo menzionare gli incubatori Time-Laps, senza però dimenticare l’intelligenza artificiale, ovvero l’impiego di macchine computerizzate rese performanti dall’ausilio di algoritmi che permettono, oltre alla valutazione imprescindibile dell’embriologo, un’analisi qualitativa del singolo embrione.


L’intelligenza artificiale si avvale di microcamere all’interno dell’incubatore che scattano delle foto ad ogni singolo embrione ogni 5 minuti, così da riuscire a creare un filmato completo dello sviluppo embrionale durante la coltura. L’algoritmo associato alla macchina invece, viene studiato per far si che molteplici parametri qualitativi vengano analizzati (>70), così da riuscire ad ottenere una selezione altamente efficace dell’embrione con il maggior potere di sviluppo da impiegare per il trasferimento in utero. Gli algoritmi possono essere scelti e pre impostati a seconda delle modalità di lavoro del laboratorio del centro che si avvale di tali tecnologie, così da renderlo il più personalizzato possibile.


L’impiego dell’intelligenza artificiale nelle tecniche di riproduzione assistita, non consente solamente la scelta dell’embrione con il maggior potenziale di sviluppo, ma consente anche di determinare quale sia la tempistica più idonea al suo trasferimento


Come riportato da un importante studio presentato all’EHSRE 2018, quasi ogni aspetto della cura del paziente è stato studiato mediante l’impiego dell’intelligenza artificiale, compresa l'identificazione e la morfologia degli spermatozoi, l'identificazione di follicoli vuoti o contenenti ovociti, la previsione degli stadi embrionali, la previsione della formazione di blastocisti a partire dagli ovociti, la valutazione della qualità della blastocisti umana, la previsione di nascita da una singola blastocisti e lo sviluppo di protocolli di stimolazione IVF ottimali.


Ad oggi ci sono diversi studi preliminari nel campo della riproduzione assistita dove viene impiegata l’intelligenza artificiale, che hanno come obiettivo quello di migliorare l’efficacia di un trattamento di fecondazione in vitro; nonostante ci sia bisogno ancora di tempo e di ulteriori studi prospettici, è stato possibile selezionare gli embrioni qualitativamente migliori con le probabilità più alte di generare una nascita, oltre che ridurre il numero di trasferimenti per paziente.


In conclusione possiamo affermare che l’impiego di nuove tecnologie come l’intelligenza artificiale, gli incubatori Time-Laps, in associazione all’esperienza di ciascun embriologo, massimizzano le prestazioni e la qualità di un laboratorio di pma, riflettendosi in maniera altamente positiva nei risultati ottenuti.



BIBLIOGRAFIA


● Herrero J, et al. A time to look back: analysis of morphokinetic characteristics of human embryo development Fertil Steril. 2013 Dec;100(6):1602-9.e1-4.

● Meseguer M, et al. An artificial intelligence model based on the proteomic profile of euploid embryos and blastocyst morphology: a preliminary study Reprod Biomed Online. 2020 Oct 8;S1472-6483(20)30537-X.

● Carol Lynn Curchoe, et al. Artificial intelligence and machine learning for human reproduction and embryology presented at ASRM and ESHRE 2018, J Assist Reprod Genet. 2019 Apr;36(4):591-600


scrivi un commento

articolo a cura di

Dott. Maurizio Sodano Medico chirurgo specialista in ostetricia e ginecologia
Dott. Maurizio Sodano. Direttore del centro CMR

recent post

Co-trattamento con desametasone

La nostra filosofia si basa su una costante ricerca di nuove metodologie all’avanguardia, che ci permettano di mantenere i più elevati standard qualitativi e di fornire tutto il supporto sia professionale che umano alle coppie che si rivolgono presso il nostro centro, per raggiungere l’obbiettivo comune, l’ottenimento di una nascita. Con questo scopo i professionisti del C.M.R. diretti dal Dott. Maurizio Sodano, in collaborazione con alcuni dei più prestigiosi centri internazionali, hanno introdotto nei protocolli di stimolazione ovarica, l’impiego del desametasone, un particolare tipo di corticosteroide. I risultati di questo lavoro sono stati pubblicati su Reproductive Sciences, importante rivista scientifica internazionale. Qui di seguito viene riportato un riassunto del sopracitato lavoro e il link diretto all’articolo. https://link.springer.com/article/10.1007/s43032-021-00590-7 Lo scopo di questo lavoro era di stimare l'effetto del desametasone durante la stimolazione ovarica in donne di diversa età riproduttiva con livelli elevati di progesterone nella fase follicolare precoce sottoposte a un ciclo di fecondazione in vitro. Questo studio è un'analisi longitudinale prospettica di donne sottoposte consecutivamente a cicli di fecondazione in vitro freschi in un unico centro, tra gennaio 2012 e dicembre 2013. Le donne con progesterone in fase follicolare iniziale superiore a 0,50 ng/ml, valutate al giorno 0 o al giorno 5 di stimolazione, sono state incluse. Il gruppo di studio (n = 113) includeva donne sottoposte a supplementazione di desametasone fino al giorno dell'induzione con hCG. Le donne che non sono state sottoposte al trattamento con desametasone hanno formato il gruppo di controllo (n = 109). Abbiamo ulteriormente stratificato la nostra popolazione di studio in base alle fasce di età: (1) ≤ 34 anni, (2) tra 35 e 39 anni e (3) ≥ 40 anni. Nel gruppo di studio sono stati osservati livelli di progesterone significativamente più bassi rispetto al gruppo di controllo (0,59 ± 0,21 vs 0,94 ± 0,42, <0,001). In particolare tale differenza non si osserva nelle donne di età superiore ai 39 anni. Nel gruppo di studio è stato rilevato un tasso di nati vivi più elevato che nel gruppo di controllo, statisticamente significativo nella fascia di età ≤ 34 anni (67,5% vs 47,2%, p = 0,04). Al contrario, i tassi di nati vivi erano simili tra i due gruppi nelle donne di età superiore ai 34 anni. I nostri dati suggeriscono che il desametasone aiuta a modulare i livelli di progesterone durante la fase follicolare e potrebbe migliorare il tasso di nati vivi delle donne di età inferiore ai 34 anni. ;

9.3.2022
Il percorso di coppia nella PMA. La fase Operativa

Una volta deciso il piano terapeutico durante la fase clinica la coppia dovrà affrontare il percorso denominato "FASE OPERATIVA", che potrà essere di 1° LIVELLO o di 2° LIVELLO. Parliamo di 1° LIVELLO quando siamo nel campo dell'inseminazione intrauterina. Il partner maschile effettuerà una raccolta di liquido seminale in coincidenza con l'ovulazione della donna. Il liquido seminale sarà quindi processato in laboratorio per essere utilizzato nell''inseminazione intrauterina. Passeranno 15 giorni dall'inseminazione, a seguito dei quali si effettuerà l’esame di gravidanza andando a ricercare nel sangue l’ormone β-HCG, prodotto dall'embrione una volta impiantato. Dovesse risultare con esito positivo controlleremo la presenza della camera gestazionale attraverso un'ecografia e quindi, eventualmente continuare il monitoraggio della gravidanza nei mesi a seguire. Nel caso di esito negativo si valuterà insieme, medico e coppia, se e come proseguire. Se siamo in presenza di una fecondazione in vitro stiamo parlando di 2° LIVELLO. Questo trattamento si compone di diverse fasi: Stimolazione della funzione ovarica La prima fase prevede la stimolazione della funzione ovarica per indurre una crescita multipla di follicoli finalizzata ad aumentare le probabilità di ogni singolo ovocita di essere fecondato e di svilupparsi in feto, visto che in vitro queste si riducono rispetto alla fecondazione tradizionale. Avremo quindi per ogni singola ovulazione un maggior numero di ovociti e un conseguente aumento delle probabilità di rimanere incinte. Il prelievo degli ovociti – PICK-UP Quando i follicoli saranno ritenuti maturi, quindi con un diametro maggiore di 16 mm, verranno aspirati. Il liquido follicolare ottenuto sarà esaminato al microscopio con l'obbiettivo di ricercare degli ovociti. Tutto avviene in maniera assolutamente indolore attraverso una tecnica di agoaspirazione per via transvaginale. Sotto sedazione e sotto guida ecografica. L'inseminazione in vitro e la coltura embrionaria Nella fase immediatamente successiva al prelievo degli ovociti sarà richiesto al partner, attraverso masturbazione, di produrre un campione seminale; gli spermatozoi e gli ovociti verranno messi in contatto fino ad accertare l'esito dell'inseminazione. Tutti gli ovociti correttamente fecondati (ovocita a due pronuclei) verranno mantenuti in coltura. Nel periodo della coltura i due pronuclei spariranno dando origine allo zigote, cui seguirà prima divisione cellulare, momento in cui si è in presenza dell'embrione vero e proprio. Il trasferimento degli embrioni - TRANSFER Il giorno del transfer gli embrioni saranno trasferiti attraverso un catetere all''interno della cavità uterina della paziente. Crioconservazione degli embrioni rimanenti Gli embrioni restanti non vengono trasferiti e con evidenti segni di vitalità, saranno opportunamente crioconservati per ulteriori eventuali cicli successivi. In questo modo non sarà necessario svolgere una nuova stimolazione. Test di gravidanza Trascorreranno due settimane dal trasferimento degli embrioni, dopodiché effettueremo un dosaggio di ß-HCG (ormone prodotto dall'embrione una volta che si è impiantato) al fine di verificare l'esito del trattamento. In caso di positività passeranno ulteriori 20 giorni prima di effettuare un'ecografia di controllo per osservare l'eventuale presenza della camera gestazionale e proseguire con il monitoraggio della gravidanza. Se avete dubbi o ulteriori domande a riguardo, non esitate a contattarci o a scrivere nei commenti del post, vi risponderemo quanto prima! A presto dal CENTRO CMR. ;

7.2.2022
Il percorso di coppia nella PMA. La fase Clinica

Spesso, dopo che viene diagnosticata l'infertilità, maschile o femminile o di coppia, è facile che gli aspiranti genitori si ritrovino in balia di se stessi, non sapendo a chi rivolgersi, a quale centro affidarsi, se fidarsi o meno della diagnosi ricevuta. Iniziano a sorgere una marea di domande, rischiano di incrinarsi i rapporti, sorgono ingiustificate sensazioni di vergogna, sensi di colpa. A chi mi rivolgo? Con chi ne parlo? Dopo lo sconforto, la decisione di affrontare il percorso di Procreazione Medicalmente Assistita! Già... ma in cosa consiste? Cosa dobbiamo fare? Ci sembrava giusto iniziare il nostro cammino in questo blog partendo proprio da qui; dal percorso che una coppia affronterà decidendo di avere un bambino attraverso la PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA. La coppia che si rivolge al Centro CMR, verrà seguita da un'equipe multidisciplinare di professionisti, coordinati dal Dottor Maurizio Sodano, direttore del centro. Il percorso di fecondazione assistita è un processo composto da diverse fasi, che sono da dividere in FASE CLINICA e FASE OPERATIVA. La fase clinica inizia con la PRIMA VISITA, che consta di un colloquio conoscitivo con l'esperto in Medicina della Riproduzione prima e della visita vera e propria poi; una visita specialistica ginecologica con ecografia transvaginale a cui fa subito seguito una consulenza per l'analisi del caso. Dopo aver visionato eventuali altri esami effettuati precedentemente (che consigliamo di portare sempre con voi) il medico sarà in grado di illustrare le procedure percorribili e le percentuali di successo, gli eventuali rischi e i dettagli del percorso, e prescriverà, laddove fosse necessario, esami ematochimici e strumentali. A questo punto la coppia intraprenderà l'ITER DIAGNOSTICO, durante il quale effettuerà gli esami di laboratorio e strumentali che sono stati prescritti durante la prima visita. In base all’esito di questi accertamenti, laddove risultasse necessario, potranno essere richieste ulteriori indagini come ad esempio delle consulenze specialistiche (andrologica, genetica, endocrinologica, psicologica...). È l'esito di questi accertamenti che determina la metodica di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA più opportuna, ottimizzando le probabilità di SUCCESSO per la coppia. Il PIANO TERAPEUTICO da seguire sarà deciso completato l'iter diagnostico, dopo aver effettuato un controllo delle analisi effettuate. Questo potrà essere rappresentato da: 1.    RAPPORTI MIRATI su ciclo spontaneo o con lieve STIMOLAZIONE ORMONALE 2.    INSEMINAZIONE INTRAUTERINA (quello che si definisce un trattamento di Primo Livello) 3.    FECONDAZIONE IN VITRO (quello che si definisce un trattamento di Secondo Livello) L'ultima fase della fase clinica è caratterizzata dalla STIMOLAZIONE OVARICA e dal MONITORAGGIO. La stimolazione ovarica è una tecnica farmacologica finalizzata alla produzione maggiore di ovociti, al fine di facilitare l’esito positivo del trattamento, personalizzata, in funzione del trattamento prescelto e volta a aumentare le possibilità di rimanere incinta. Durante questa fase la paziente si sottoporrà al monitoraggio della crescita follicolare, finalizzato ad individuare il momento ottimale per effettuare una INSEMINAZIONE INTRAUTERINA se è stato scelto un trattamento di 1° livello o un PRELIEVO OVOCITARIO (PICK UP) se il trattamento scelto è di 2° livello (FIVET-ICSI). A questo punto la coppia è pronta a iniziare la FASE OPERATIVA, della quale parleremo nel prossimo post. A presto dal CENTRO CMR. ;

10.1.2022

seguici

guarda il video su CMR